venerdì 14 dicembre 2012

Margini operatori del tumore: una sfida nella terapia conservativa del seno

La definizione dei margini di resezione chirurgica è un aspetto fondamentale nella gestione delle lesioni tumorali maligne.

margini reezione tumore al seno

Il problema dei margini operatori assume un’importanza superiore quando si presenta la necessità di preservare la funzionalità dell’organo colpito dalla malattia, come nel caso del tumore al seno. Il trattamento chirurgico del tumore al seno costituisce oramai una procedura che può essere limitata all’area colpita dalla malattia e non costituisce più un intervento radicale.

Poiché è stato dimostrato un simile tasso di sopravvivenza associato all’intervento di mastectomia e lumpectomia, la preferenza attuale è rivolta prevalentemente al ricorso a margini di resezione di ridotte dimensioni e irradiazione, la cosiddetta “terapia conservativa del seno”. La definizione di margini privi di tumore assume è dunque fondamentale per la buona condotta di questo protocollo terapeutico.

Nuove tecniche per la valutazione real-time in fase intraoperatoria e post-operatoria sono attualmente in sviluppo per assicurare la rimozione definitiva dei residui di cellule maligne che possono causare recidive e prolungare la gestione delle pazienti.

Source:Emmadi R, Wiley EL. Evaluation of resection margins in breast conservation therapy: the pathology perspective-past, present, and future. Int J Surg Oncol. 2012